Karateweb il karate in rete

 

Scegli la pagina


wpe6.jpg (4489 byte)

HARAI-GOSHI
(Spazzata d'anca)

Sicuramente harai goshi è una delle tecniche di anca (koshi Waza) più vecchie del judo ed è stata ideata dal Maestro Kano.
Si racconta che il fondatore proiettava tutti i suoi allievi con uki goshi a sinistra; dopo un certo periodo essi capirono come schivare questo attacco. Successivamente il Maestro Kano scoprì come proiettare i suoi allievi quando avanzavano con la gamba sinistra per evitare questo attacco. Egli infatti spazzava con l’anca proiettandoli, così nacque harai goshi.
Ai nostri tempi, questo movimento di grossa attitudine (o waza), è una delle tecniche più eseguite in gara (di judo) ed è stata trasformata in una falciata di gamba che l’esecutore porta al ginocchio di chi subisce.

Preparazione
Vi trovate in posizione naturale a destra, nel momento in cui uke vuole avanzare con la sua gamba destra indietreggiate il piede sinistro con la punta del piede rivolta verso sinistra, tirate con la mano sinistra la manica di uke, in modo da portare il peso del suo corpo verso l’avampiede destro; quindi portate la gamba destra all’esterno della gamba destra di chi subisce, con l’anca pronunciata nella stessa direzione. Fate attenzione a non esporre troppo esternamente la vostra anca ma portatene solo la metà (han goshi). È molto importante il contatto stretto tra il vostro tronco e quello di uke; la parte destra del vostro torace deve essere a contatto con la parte inferiore di chi subisce.
wpe8.jpg (5600 byte)
Squilibrio
Una volta indietreggiato il piede sinistro, portate in trazione la manica di uke verso la vostra spalla sinistra al fine di portare il peso del suo corpo verso l’avampiede destro, a questo punto la sua posizione è molto instabile. La mano destra, che tiene il suo bavero, effettuerà un’azione simile a quella del pescare (come in tsuri komi goshi).
wpe9.jpg (4905 byte)
Proiezione
Conservando una leggera flessione sulla gamba sinistra, portate la destra all’altezza della destra di uke. Nel momento in cui spazzate al di sotto del suo ginocchio, portate in distensione la vostra gamba sinistra, azione che determinerà la sua caduta. Certamente vi sono molte altre esecuzioni, ma quanto sopra descritto si rifà esclusivamente ad una spiegazione tecnico didattica.
wpeA.jpg (4817 byte)wpeB.jpg (4323 byte)

Opportunità
1 -  Uke dalla posizione naturale a sinistra avanza il piede destro;
2 -   Uke dalla posizione naturale a destra avanzerà il piede sinistro;
3 -   Uke dalla posizione naturale a destra indietreggia il piede destro;
4 -   Uke dalla posizione naturale a destra (Shizentai) avanza il piede destro.

Errori da evitare
1 - Non portate mai troppo esternamente la vostra anca;
2 - Non piegate troppo la gamba che è impiegata nell’azione;
3 - Con la mano destra non tentate di sollevare l’avversario;
4 - Non piegate mai il busto in avanti portando a sinistra le vostre anche.

Difese
1    - Quando siete attaccati, respingete l’avversario spingendo in avanti l’addome e, contemporaneamente, spingete con il braccio sinistro, mentre il destro lo tirate all’indietro (lasciando la presa);
2 -    nel momento dell’attacco difendetevi spostando la gamba sinistra lateralmente nella stessa direzione. Con le braccia respingetelo portandolo in stato di squilibrio;
3 -    nel momento dell’attacco rimanete con il busto eretto ed inserite il piede sinistro tra le gambe dell’avversario; con il collo del piede sinistro bloccategli la caviglia sinistra senza falciarla (kusabi dome);
4 -    quando vi sentite attaccatti indietreggiate la gamba destra e con le braccia respingete l’avversario.

Goshin-do
Come per l'O-goshi l’utilizzo di questa proiezione nella difesa personale (goshin-do), risulta efficace in tutti i casi in cui l’avversario è sbilanciato in avanti; ad esempio su attacco di pugno circolare.

Le chiusure successive alla proiezioni possono essere varie, dal semplice gyaku zuki, alle leve sul braccio, ai bloccaggi sul collo; La caratteristica comune a tutte le chiusure deve essere l’impostazione dell’assetto, il busto deve rimanere perpendicolare al suolo o in una posizione stabile, la posizione finale deve permettere un rapido allontanamento dall’avversario.

Per poter effettuare una chiusura valida è necessario non perdere il controllo del braccio dell’avversario. La mano che va in presa sul braccio (sopra il gomito) non deve perdere la presa, mantenendolo bloccato per tutta la durata della proiezione.

Consigli:
Ricordate che prima di imparare ad eseguire la tecnica sarà necessario un considerevole numero di ripetizioni, e per questo che è necessario saper cadere.
Per quanto riguarda la caduta di colui che subisce (UKE) è necessario mettere in pratica un caduta a metà tra quella frontale e quella laterale: Le gambe devono toccare il suolo dopo il contatto del busto (forza addominale); il braccio libero deve scaricare l’impatto in posizione corretta, gli errori più comuni sono: rimanere con la mano sotto le proprie gambe e aprire troppo il braccio rischiando la lussazione della spalla.
Un’altra buona abitudine per chi subisce è la reazione della mano che va in scaricamento, il mio consiglio è di portarla, dopo aver scaricato, il più velocemente possibile in protezione della testa.

Le proiezioni
O-goshi
- Harai-goshi - Tae otoshi - Deashi barai - O soto gari - O uchi gari - Sasae tsurikomi ashi

Planet srl sistemi informaticiHoma page KaratewebVai all'inizio della paginaHome page Accademia Karate ShotokanVai alla pagina precedenteContatta il webmaster di Karateweb